Italia

 

 

Ferrari

 

Il mito Ferrari nasce da un uomo, Giulio Ferrari, e dal suo sogno di creare in Trentino un vino capace di confrontarsi con i migliori Champagne francesi.È un pioniere: è lui che per primo intuisce la straordinaria vocazione della sua terra, lui che per primo diffonde lo Chardonnay in Italia.Comincia a produrre poche selezionatissime bottiglie, con un culto ossessivo per la qualità.

Nel 1952 non avendo figli, Giulio Ferrari cerca un successore a cui affidare il suo sogno.Fra i tanti pretendenti sceglie Bruno Lunelli, titolare di un’enoteca a Trento. Grazie alla passione e al talento imprenditoriale, Bruno Lunelli riesce a incrementare la produzione senza mai scendere a compromessi con la qualità.Bruno Lunelli trasmette la passione ai suoi figli: sotto la guida di Franco, Gino e Mauro, Ferrari diventa leader in Italia e il brindisi italiano per eccellenza.

Anni 70  – 00 , in questi anni vedono la luce alcune delle etichette destinate a entrare nella storia: sono il Ferrari Rosé, il Ferrari Perlé e il Giulio Ferrari Riserva del Fondatore.La terza generazione della famiglia Lunelli mantiene vivo il sogno Ferrari.Marcello, Matteo, Camilla e Alessandro guidano l’azienda insieme a un team straordinario con l’obiettivo di innovare nel solco della tradizione, portando Ferrari nel mondo quale ambasciatore dell’Arte di Vivere Italiana

 

Gamma Gruppo Lunelli

Confezioni regalo

 

 

 

Bisol

 

Oggi i vigneti dell’Azienda Agricola Bisol sono dislocati su 20 poderi immersi tra le ripide colline che da Valdobbiadene vanno verso Conegliano, le aree più vocate della Denominazione.Un fiore all’occhiello è il podere gestito sulla zona sommitale della collina Cartizze: un’area che si snoda su di una cresta collinare ripidissima, ad un’altitudine di 300 metri sul livello del mare, e gode di un’esposizione al sole meravigliosa, oltre che di una ventilazione continua che unitamente al terreno di natura sabbiosa la rendono una zona di raro valore.

 

Prodotti Bisol

 

 

 

 

Francia

 

 

 

terroirs

 

Delimitata da una legge del 1927, l’area di produzione a denominazione Champagne (AOC) si estende per poco più di 34.000 ettari sul territorio francese, a circa 150 chilometri da Parigi, e comprende 319 cru comunali diluiti in cinque dipartimenti: la Marne (67%), l’Aube (23%), l’Aisne (9%), la Haute-Marne e la Seine-et-Marne. Sono 17 ivillaggi che godono storicamente della denominazione Grand Cru e 44 quelli classificati come Premier Cru. Le tre componenti principali del territorio della Champagne (clima, terreno e orografia), si combinano tra loro in modo unico, dando vita ad un mosaico incredibile di terroirs. In questa variegata regione le varietà principalmente in uso sono lo Chardonnay (capace di generare prodotti raffinati, verticali o cremosi a seconda della zona di provenienza delle uve), il Pinot Nero (dal carattere più austero e robusto) ed il Pinot Meunier (che caratterizza i vini con grande personalità).

Una denominazione, tante anime: questo è quello che la Champagne rappresenta. Una regione dalle mille sfumature capace di generare vini radicalmente diversi, frutto di condizioni pedoclimatiche originali. La scelta che vi presentiamo è frutto di viaggi e ricerca; l’idea che ha guidato la selezione è quella di mettere a vostra disposizioneun portfolio dinamico, capace di contenere un gruppo di produttori che antepongono allo stile le caratteristiche dei territori che li ospitano. Champagnes non sovrapponibili, dunque, ma vini dall’impatto unico, segnati dalla loro particolarità e capaci di soddisfare ogni esigenza di servizio. Un vero tour fra le sottozone della regione: dalla Vallée du Petit Morin, incastrata fra Vertus e la Côte de Sézanne, alla Côte de Blancs, passando per la Valle della Marna fino ad arrivare alla Montagna de Reims e le sue molteplici accezioni territoriali.

 

Catalogo Terroirs Champagne

prodotti Terroirs Cremant

 

 

 

 

laurent-perrier

 

Andrè Michel Pierlot fonda nel 1812  la casa vinicola con l’acquisizione di vigneti siti nei comuni di Bouzy , Tours sur Marne ed Ambonnay. Alla sua morte l’attività  fu rilevata dal suo cantiniere, Eugene Laurent. Successivamente sotto la gestione della vedova di questi, Mathilde Emilie Perrier, la casa adottò l’attuale nome (inizialmente Veuve Laurent-Perrier, vale a dire “Vedova Laurent-Perrier”) portandola al successo. Sua figlia, Eugènie Hortense Laurent, dopo la crisi seguita alla prima guerra mondiale vendette l’azienda a Marie-Louise Lanson de Nonancourt nel 1939. Nel dopoguerra si deve a Bernard de Nonancourt il rilancio e l’affermazione del marchio ai vertici mondiali

 

Catalogo Laurent Perrier

 

 

 

gremillet

 

La tenuta è composta da 35 ettari di vigneti ed è situata a Balnot sur Laignes, piccolo comune situato nel dipartimento dell’Aube nella regione della Champagne-Ardenne, circa 180 kilometri a sud di Parigi e 45 kilometri da Troyes, la storica capitale dello Champagne.

I nostri primi passi ci portarono ad esplorare diversi mercati export e oggi, il nostro Champagne è venduto in più di 75 Paesi e 70 diverse ambasciate e consolati in tutto il mondo hanno selezionato il nostro Champagne.

In Guyana, ogni lancio di successo degli Ariane è celebrato con i nostri Champagne.

Più di 1 bottiglia di Champagne ogni 1000 venduta nel mondo, è stata prodotta nelle nostre cantine.

Distribuito da Arpa Il Borro

 

Catalogo Gremillet

 

 

 

 

 

 

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: