Champagne Terroirs Ceretto

terroirs

 

Oltre a Salon , champagne esclusivo e ricercato , il Catalogo Terroirs offre altri produttori di Champagne legati insieme dalla passione , ricerca e qualità.

Oggi parliamo di Delamotte :

Un grande Champagne è prima di tutto un grande vino. Con questa premessa si presenta la Maison Delamotte, “sorella” di Salon ed anch’essa situata a Le Mesnil-sur-Oger ,villaggio Grand Cru della Côte des Blancs. Fondata a Reims nel 1760 da François Delamotte, è la quinta Maison di Champagne in ordine di anzianità. Solo alla fine del XVIII secolo, Alexandre Delamotte acquista una villetta nel villaggio di Le Mesnil-sur-Oger sotto la quale costruisce le cantine: l’idea è di essere vicino ai fornitori delle uve più preziose, quelle di Chardonnay. La Maison prospera pur rimanendo di dimensioni contenute (si producono attualmente intorno alle 700.000 bottiglie), conosce due importanti salti di qualità nel 1975 e nel 1988. La prima data coincide con l’arrivo dell’enologo di Bordeaux Alain Terrier, il quale si occupa di riconcettualizzare lo stile maison profondendo la sua filosofia che vede lo champagne innazitutto come “vino di piacere”. Viene dunque abbandonata la vinificazione in legno per passare all’acciaio, convinto che il vino non debba essere influenzato da alcun aroma estraneo e, quindi, esprimere con la massima purezza e intensità il terroir e la varietà. È il 1988, invece, quando Delamotte si unisce a Salon. Nel 1997 subentra alla direzione delle due aziende “sorelle” l’abile Didier Depond, come ultimo tassello del percorso di crescita delle due Maison. “Vive et me Ama”: vivete e amatemi, il motto di Delamotte, racconta con fierezza l’idea di fondere modernità e tradizione, una complessità al serivizio del piacere.

Una costante crescita qualitativa: questa è la prima delle riflessioni possibili, pensando all’universo Delamotte. Eleganza e purezza sono i mantra che il bicchiere ci ripete: bevibilità, integrità e sapidità, le sensazioni che vanno a palesarsi a discapito di note più grevi ed ossidative, che spesso punteggiano altri moduli espressivi. Le uve, provenienti dalle zone più belle della Côte de Blancs e le lunghe permanenze sui lieviti, ci regalano vini piacevolmente complessi, caratterizzati da un sorso vivo, scattante. Una cremosità mai fine a se stessa, arricchisce il sorso, corroborando un insieme unico e vibrante. È solo in epoca recente che la Maison ha voluto lanciare una sfida: quella di imbrigliare il tempo in una bottiglia. È così che con Delamotte Collection viene oggettivata la lentezza ,la fretta svanisce e l’affinamento assume un ruolo fondamentale. La Maison mette a disposizione degli appassionati vecchi millesimi, maturati lentamente sui lieviti e

degorgiati solo quando necessario. Puro godimento in perfetto stile Delamotte.

 

Oggi consigliamo :

Blanc de Blanc 2007  

BdB-mill

 

Delamotte Collection  2002

 

collection 2002

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: