Le Cantine Ferrari premiate dalla Guida del Gambero Rosso per l’impegno verso la sostenibilità

Nell’anno in cui le Cantine Ferrari hanno finalmente raggiunto l’obiettivo della certificazione biologica di tutti i vigneti di proprietà, arrivano i primi riconoscimenti dalle guide di settore.

La prestigiosa Guida Vini d’Italia 2018 del Gambero Rosso, nell’anteprima Tre Bicchieri, ha voluto riconoscere il grande impegno della Famiglia Lunelli nei confronti di questa tematica, conferendogli il Premio per la Vitivinicoltura Sostenibile.

Si tratta di uno dei dieci premi speciali che sintetizzano il lavoro di tutta la guida, da cui è scaturito anche la speciale segnalazione dei Tre Bicchieri Verdi, ossia i migliori prodotti da aziende biologiche o biodinamiche certificate, che quest’anno sono ben 99.

Non è mancato, come in ogni edizione, il conferimento dei Tre Bicchieri al Giulio Ferrari Riserva del Fondatore 2006.

Un altro riconoscimento è arrivato dalla Guida Vinibuoni d’Italia del Touring Club Italiano, che ha assegnato alle Cantine Ferrari il “Premio Speciale Ecofriendly”, che verrà consegnato il giorno 11 novembre durante l’inaugurazione del Merano WineFestival.

Si tratta di un segnale molto positivo che conferma l’attenzione verso queste tematiche da parte di un pubblico sempre più vasto che le guide sono in grado di intercettare, valorizzando l’impegno verso la tutela dell’ambiente di molte aziende che, come le Cantine Ferrari, puntano alla continua innovazione nel rispetto del proprio territorio.

Il Giulio Ferrari 2006 al top delle più importanti Guide di settore

 

Il Giulio Ferrari Riserva del Fondatore mette d’accordo ancora una volta tutte le maggiori Guide italiane del settore, che anche nell’edizione 2018 lo incoronano miglior bollicina italiana valutando l’annata 2006 con il massimo dei punteggi.

Sono solo quattro i vini che quest’anno hanno ottenuto risultati eccelsi in tutte le Guide più rinomate, fra cui due trentini: oltre al Giulio Ferrari Riserva del Fondatore, il San Leonardo 2013 della Tenuta San Leonardo. Trionfano anche il Bolgheri Sassicaia 2014 della Tenuta San Guido e l’Amarone della Valpolicella Classico 2009 di Bertani.

Le sei guide che utilizzano metri di giudizio simili e che hanno incoronato all’unanimità il Giulio Ferrari sono la Guida Vini d’Italia del Gambero Rosso con i suoi Tre Bicchieri,  la Guida Oro I vini di Veronelli, che gli ha attribuito le “Super 3 stelle”, Bibenda che lo ha valutato con i suoi 5 Grappoli,  I Grandi Vini di Slow Wine che gli ha assegnato il riconoscimento di “Grande Bottiglia”,  Vitae della Associazione Italiana Sommelier con le sue 4 Viti e la Guida Essenziale dei Vini d’Italia di Daniele Cernilli, che lo ha valutato con un punteggio di 97/100.

Ogni annata di questa straordinaria etichetta, dunque, non fa che confermare le sue caratteristiche uniche date dalle migliori uve Chardonnay di montagna del Trentino e dal grande lavoro in cantina, dove riposa per oltre dieci anni sui lieviti. Un connubio perfetto che regala un Trentodoc di grande complessità aromatica pur nell’incredibile freschezza, consacrando “il Giulio” al mito.

Sparkling Wine Producer of the Year

 

Ferrari conquista il titolo di “Sparkling Wine Producer of the Year” al The Champagne & Sparkling Wine World Championships 2017

 

Le Cantine Ferrari sono state nominate “Sparkling Wine Producer of the Year” nell’edizione 2017 del concorso internazionale The Champagne & Sparkling Wine World Championships. Un traguardo straordinario, se si pensa che la cantina trentina si aggiudica per la seconda volta questo titolo.

Il risultato, frutto delle ben 11 medaglie d’oro conquistate da Ferrari con altrettanti Trentodoc, è stato proclamato dall’ideatore stesso della competizione Tom Stevenson, un’autorità internazionale nel settore, durante la cena di gala del 14 settembre alla Vintners Hall di Londra, luogo storico per il mondo del vino inglese.

The Champagne & Sparkling Wine World Championships è la più prestigiosa competizione internazionale dedicata solo al settore delle bollicine, per la quale sono stati degustati nel 2017 campioni da 29 paesi.

Fin dalla prima edizione, ha sempre valutato i Trentodoc delle Cantine Ferrari tra le migliori bollicine al mondo. Basti ricordare che, oltre ad essersi sempre aggiudicate il titolo di Best Italian Sparkling Wine, Ferrari ha vinto nel 2014 come World Champion Sparkling Wine Outside Champagne con il Perlé 2007 e nel 2016 come Blancs des Blancs World Champion con il Ferrari Brut.

Questa edizione ha visto anche premiate sei etichette delle Cantine Ferrari come Best in Class:

  • Ferrari Maximum Brut Magnum, Trentodoc
  • Ferrari Maximum Rosé, Trentodoc
  • Ferrari Perlé Magnum 2010, Trentodoc
  • Ferrari Perlé Rosé Riserva Magnum 2010, Trentodoc
  • Ferrari Perlé Nero Riserva Magnum 2008, Trentodoc
  • Ferrari Riserva Lunelli Magnum 2008, Trentodoc

Questi risultati non fanno che confermare il successo dei Trentodoc Ferrari, attestando la Casa trentina tra i migliori produttori di bollicine a livello internazionale, in grado di primeggiare su Maison de Champagne e altre importanti cantine di tutto il mondo.

Un’ulteriore conferma della straordinaria vocazione del territorio trentino e della sua viticoltura di montagna  per la produzione di bollicine di eccellenza

Ferrari e Benetti Yachts

Azimut|Benetti dopo Capri e molte altre località esclusive, quest’anno sceglie la Costa Smeralda per il suo Yachting Gala e conferma le Cantine Ferrari come suo lifestyle partner. Il prestigioso evento dedicato agli armatori e agli appassionati delle imbarcazioni firmate dal cantiere leader mondiale nella produzione di lussuosi yacht,  sarà anche in questa edizione una vera e propria esperienza dello stile di vita italiano. Nel weekend dal 23 al 25 giugno, infatti, oltre 800 ospiti provenienti da tutto il mondo si alterneranno tra prove in mare, eventi speciali e tour per scoprire l’eccellenza del Made in Italy. In questo contesto le bollicine Ferrari, ambasciatrici dell’Arte di Vivere Italiana, accoglieranno e accompagneranno gli ospiti durante tutto il fine settimana, tra aperitivi in stile Ferrari Time 19:02 fino all’esclusiva cena di Gala allo Yacht Club Costa Smeralda. Inoltre, un ristretto numero di appassionati potrà partecipare presso il Caffè Sole ad una degustazione delle Riserve Ferrari condotta direttamente da Matteo Lunelli, Presidente delle Cantine Ferrari. Si prospetta dunque un intenso weekend all’insegna dello stile italiano, dove il lusso e l’eleganza si sposeranno con la bellezza dei luoghi e la qualità delle esperienze dedicate agli ospiti.

Polar Music Prize

IMG_0292.JPG

 

Continua la felice collaborazione tra le Cantine Ferrari e il Polar Music Prize, il premio musicale più importante di Svezia.
Il premio, istituito nel 1989 da Stig Anderson, manager del mitico gruppo svedese ABBA, ogni anno premia a Stoccolma i grandi nomi della musica internazionale per mano del Re Carlo XVI Gustavo di Svezia.

Alla sua 26ma edizione, il 15 giugno presso la Sala dei Concerti di Stoccolma, si è brindato ancora una volta ai vincitori con bollicine Ferrari. Quest’anno i due artisti premiati sono stati Sting e Wayne Shorter. I due grandi musicisti, senza bisogno di presentazioni, sono stati celebrati nel corso di tutta la serata da altri grandi cantanti internazionali che, accompagnati dall’Orchestra Filarmonica di Stoccolma, hanno interpretato alcuni dei loro più famosi successi.

I Trentodoc Ferrari hanno accompagnato gli ospiti vip durante l’aperitivo che ha aperto la grande cena di Gala per oltre 500 ospiti, che si è tenuta, come ogni anno, al Grand Hotel.

Il Polar Music Prize si conferma così l’evento più glamour di Svezia. Riunisce per una sera il meglio dell’industria musicale internazionale, oltre ai personaggi più in vista della nazione nordica, prima tra tutti la Famiglia Reale. È un grande orgoglio per Ferrari essere partner da molti anni di questo prestigioso appuntamento, portando ogni volta un tocco di Arte di Vivere Italiana a un evento tanto esclusivo da essere secondo solo al Premio Nobel.

Premio Ferrari ” Arte di Vivere Italiana – Articolo dell’Anno

IMG_0291

 

Il Wall Street Journal Magazine ha conquistato il Premio Ferrari «Arte di Vivere Italiana – Articolo dell’Anno». Così ha deciso la giuria del premio promosso dalle Cantine Ferrari che, giunto alla quarta edizione, è assegnato al giornale straniero che abbia valorizzato in chiave originale il bello, buono e ben fatto del nostro Paese.

Il Wall Street Journal Magazine ha vinto grazie al reportage di Jay Cheshes sulla scuola di cucina di Anna Tasca Lanza, nel cuore della Sicilia, che facendo rivivere le tradizioni del territorio, è diventata punto di riferimento e fonte di ispirazione per i celebi chef americani. Apparso nel giugno 2016 con il titolo «A Slice of Sicilian», l’articolo si è imposto, come si legge nella motivazione, «per la qualità dei contenuti, l’originalità del tema, che combina la tradizione con la modernità, e per la e bellezza delle immagini».