Mazzei

 

 

 

 

Fonterutoli

Una terra unica, alla quale il disfacimento di rocce di alberese e di arenaria ha conferito un’anima pietrosa, complessa. La sapienza Mazzei ha saputo trasformare la terra di Fonterutoli, arida e rocciosa, in una riserva generosa, che ha fatto della diversità la sua cifra stilistica.L’azienda copre una superficie complessiva di 650 ettari, di cui “soltanto” 117 di vigneti specializzati articolati in cinque zone poste tra i 220 e i 550 metri sul livello del mare, a loro volta suddivise in 120 singole parcelle. Il tutto in perfetta armonia con altre colture più marginali e con i boschi, ambiente ideale per diversi tipi di selvaggina che lo popolano allo stato naturale. Le uve provenienti dalle 120 parcelle vengono raccolte a mano, vinificate e maturate in legno separatamente, traducendo il valore della diversità in una straordinaria ampiezza di aromi e complessità.

Belguardo

La proprietà dispone di 34 ha di vigneto impiantati a vitigni autoctoni come Sangiovese, Alicante e Vermentino, a vitigni internazionali come Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc, Syrah e altri attualmente in corso di sviluppo sperimentale, con una densità d’impianto che va da 5500 a 6600 piante per ettaro. Tutta la superficie, posta a un’altitudine media di 50-180 m s.l.m., ha un’esposizione a Sud/Sud-Ovest, con pendenze che variano dal 10% al 19%. I terreni sono caratterizzati da elevata presenza di scheletro con roccia di tipo alberese e arenaria e una tessitura che varia dal medio impasto con buone capacità di ritenzione idrica, al franco sabbioso dotato di elevate capacità drenanti. Il microclima fortemente influenzato dalla vicinanza del mare, con importanti correnti termiche in particolare nel periodo primaverile ed estivo, è caratterizzato da bassa umidità, piogge inferiori alla media della zona e un elevato tasso di evotraspirazione. Questa combinazione variegata di condizioni pedo-climatiche consente la coltura di uve anche molto diverse, da cui si ottengono vini di elevata complessità e concentrazione ma anche, straordinariamente eleganti e aromatici, tanto che Belguardo ha potuto affermarsi rapidamente come uno dei punti di riferimento della Maremma.

Zisola

50 ettari di proprietà, si estendono intorno ai 3 bagli della tenuta, di cui il principale gode di una meravigliosa vista su Noto e sui “giardini” circostanti coltivati a vigneto, ad agrumi, ulivi e mandorli. Qui una piccola ma efficiente cantina è dotata di vasche di acciaio inossidabile a temperatura controllata per la vinificazione e di circa 350 fusti di rovere per l’affinamento dei vini. Oltre al vino, di particolare interesse risultano la produzione di Olio Extravergine di Oliva prodotto da cultivar di Moresca, Ogliarola Messinese e Nocellara Etnea, di agrumi e di mandorle . Tutta la superficie, posta a un’altitudine compresa tra 100 e 130 metri s.l.m., con esposizione a Ovest – Sud/Ovest e pendenze tra 8% e 10%, è caratterizzata da terreni di medio impasto, fortemente calcarei e ricchi di scheletro.

 

Prodotti Mazzei

 

 

fontodi

 

 

Fontodi appartiene dal 1968 alla famiglia Manetti dedita da secoli ad un’altra attività tipicamente chiantigiana: la produzione delle celebri terrecotte. Proprio nel nome di questo forte legame con il territorio e con grande passione per la qualità l’azienda si è indirizzata con successo verso una coltivazione sempre più attenta dei vigneti e alla conoscenza più approfondita delle potenzialità del Sangiovese nel territorio di Panzano.

Fontodi è un’azienda biologica certificata e si estende per 170 ettari dei quali più di 80 coltivati a vigneto. L’agricoltura che viene praticata si ispira ai principi di naturalità e di sostenibilità: non solo non si utilizzano prodotti chimici di sintesi ma si cerca di valorizzare al meglio le risorse interne all’azienda riducendo gli input esterni. Ad esempio i vigneti vengono concimati utilizzando un compost prodotto dall’unione dei residui di potatura e il letame proveniente dall’allevamento di chianine presenti in azienda. Rispettando l’ambiente si producono vini più buoni, più puliti e con una migliore espressione del territorio

 

Prodotti Fontodi

 

val delle corti

 

Giorgio Bianchi nel 1974 si trasferì con la famiglia da Milano a Radda, realizzando il sogno della sua vita : vivere in campagna ed imparare a fare il vino. La sua fu una scelta coraggiosa, allora il Chianti era meraviglioso e selvaggio, ma economicamente molto indietro e non esistevano né viticoltura né turismo di qualità – salvo poche eccezioni.

Con passione e tanta fatica, affiancato dalla moglie Eli, ristrutturò il podere da anni in abbandono, ripiantò le vigne, costruì una piccola cantina. Dal 1999, anno della sua prematura scomparsa, l’azienda è portata avanti dal figlio Roberto e dalla moglie Lis, che hanno saputo svilupparne le potenzialità e portarne la produzione vitivinicola a livelli di riconosciuta eccellenza.

 

Prodotti Val delle Corti

 

 

 

 

borghetto scritta

cane

 

 

L’Azienda Agricola Il Borghetto comprende 30 ettari di terreno coltivati ad oliveto e a vigneto ed una parte di bosco con prevalenza di querce. I dodici ettari coltivati ad olivo comprendono diverse specie di olivo toscano: morellino, frantoiano, pendolino e leccino. Vengono prodotti circa duemila chilogrammi d’olio extravergine d’oliva l’anno.

Il vigneto si estende per sei ettari e comprende prevalentemente l’uvaggio Sangiovese e in una piccola percentuale Merlot e Cabernet Sauvignon.

La gestione del vigneto e della cantina sono affidati all’enologo Tim Manning, coadiuvato da Giacomo Innocenti e Claudio Bencivenni. Tutte le operazione giornaliere sono coordinate e supervisionate dal produttore Antonio Cavallini.

 

Prodotti Il Borghetto

 

 

costanti

 

 

Il territorio si estende su 25 ettari; i vigneti coprono circa 10 ettari, il resto della superficie è costituito da oliveto specializzato (2 ettari), seminativo e bosco. L’altitudine delle vigne, per le quali sono state selezionate le esposizioni migliori, oscilla tra i 310 e 440 metri s.l.m. Le viti hanno un’età variabile dai 6 ai 25 anni. Il vitigno coltivato è per la quasi totalità appartenete alla varietà “Sangiovese localmente denominato Brunello”; recentemente sono stati impiantati 3 ettari di Merlot e Cabernet. I terreni sono molto poveri organicamente e con abbondante componente litoide, geologicamente appartenenti al galestro di epoca cretacica. La densità di impianto varia tra i 3.333 e i 5.500 ceppi per ettaro. La vendemmia ha luogo normalmente ad inizio ottobre.

 

Prodotti Costanti

 

 

la-Gerla

 

 

A 320 metri, proprio sul colle di Montalcino, dove il pendio diventa più dolce, si adagiano le vigne de La Gerla, una piccola azienda vinicola che è diventata in pochi anni un grande crù di questo territorio toscano delimitato dalle valli dell’Orcia e dell’Ombrone.

Il Terroir di Montalcino è estremamente ricco di tipologie di terreno, un tesoro di diversitá e risorse per il viticoltore. A La Gerla si è deciso di impiantare i vigneti in due zone opposte del colle di Montalcino, così diverse ma complementari; dalla vinificazione delle uve che se ne ricavano nascono prodotti unici e dalle caratteristiche inconfondibili..

I vigneti de La Gerla coprono una superficie di 11,5 ettari e sono distribuiti in due diverse zone del comune di Montalcino quelle del Canalicchio
(nord est) e di Castelnuovo dell’Abate (sud est). Queste due zone ci consentono di produrre due tipologie di Brunello con caratteristiche diverse
ma che si fondono insieme durante il blend a formare un grande vino completo ed equilibrato, elegante e potente.

 

Prodotti La Gerla

 

 

sapaio

 

 

Italia. Toscana. Castagneto Carducci. Bolgheri. Un territorio unico, un terroir eccezionale, una DOC famosa nel mondo. Un luogo dove il vino respira l’aria del mare e ascolta le poesie del premio Nobel Giosuè Carducci. Cipressi e spiagge, colline e pinete, storie d’arte e di grandi imprese. Qui nascono i vini di Podere Sapaio, dal 1999.

Rispetto per la terra e approccio sostenibile: due dogmi del nostro modo di fare vino. Il lavoro in vigna è espressione di equilibrio tra uomo e natura, senza compromessi. La cura dei terreni, la tutela dell’ambiente intorno a noi, la difesa del territorio guidano le nostre scelte, da sempre.

40 ettari di tenuta – 25 ettari di vigneti  –  Terreni: adagiati su depositi quaternari e alluvionali, sono costituiti da sedimenti sabbiosi grossolani sciolti e suoli calcarei drenanti. Vitigni: Cabernet Sauvignon, Cabernet Franc, Merlot, Petit Verdot

Innovazione e passione. Tecnologia e tradizioni. Sperimentazione e autenticità. Il nostro vino siamo noi, e noi nel vino esprimiamo tutta la nostra poliedricità, la nostra conoscenza, il nostro pensiero. Dietro un grande vino c’è il grande lavoro di persone che non si accontentano mai.

La conoscenza dell’uomo crea il blend. La sacralità della vigna si esprime in ogni gesto: dalla vendemmia alla selezione dei grappoli, tutto avviene rigorosamente a mano. In cantina, la qualità produttiva sposa il sapere tecnico.

 

Prodotti Sapaio

 

 

Pupille

 

Il nucleo operativo della proprietà, dagli inizi degli anni 2000, è in prossimità di Istia d’Ombrone, alle porte di Grosseto: un’antica casa colonica il cui profilo ritorna in alcune delle etichette più conosciute dell’azienda e tutto attorno 12 ettari di vigna, compreso un piccolo appezzamento destinato ad una sperimentazione su vecchie viti di Sangiovese provenienti da antichi filari. Difficile a prima vista immaginare che quella grande, placida casa sia il cuore pulsante di un’attività agricola, sembra piuttosto una dimora signorile circondata da un grande prato all’inglese e fiori ovunque. Ma poi l’odor di mosto svela la presenza di una cantina nascosta dall’edera ed una volta entrati l’ambiente curatissimo fa sembrare uffici e sala di degustazione un susseguirsi di salotti che la padrona di casa ha voluto caldi e accoglienti.

Le vigne del Morellino sono in tutto una trentina gli ettari, situati tra Pereta e Magliano in Toscana e suddivisi in varie parcelle dell’azienda. Anche molto diverse sono quindi le composizioni dei vari terreni ma prevalgono arenarie e scheletro sassoso. Le densità di impianto variano dalle 3.750 alle 6.250 piante ad ettaro, a seconda dell’età della parcella (agli iniziali reimpianti degli anni 70 ne sono seguiti altri all’inizio di nuovo millennio). Queste vigne sono il regno del Sangiovese ma anche dell’Alicante, della Malvasia Nera e del Ciliegiolo.

 

Prodotti Pupille

 

 

duemani

 

 

Nel 2000 abbiamo individuato a Riparbella la terra in cui dare vita al nostro progetto:
un luogo estremo e scontroso, con argilla predominante ed una forte presenza di sassi, incolto da anni e circondato da macchia mediterranea. Una collina che profuma di mare e di bosco, rivolta verso la costa e ad un’altitudine di circa 250 metri. Vi sono sole, luce e continue brezze che garantiscono escursioni termiche, determinanti per i profumi e per una maturazione lenta, garanzia di perfetto equilibrio. La conformazione del pendio forma un caratteristico anfiteatro, in cui abbiamo localizzato tre vigne: nella parte più alta è ubicato il Cabernet Franc, più in basso il Merlot e in mezzo il cuore dell’azienda,
una piccola vigna di Syrah allevato ad alberello, che nasce su un suolo particolarmente pietroso ed arido. Nel 2014 andremo ad integrare la produzione con una vigna di 3 ettari di Cabernet Franc posta a 350 metri di altitudine e situata nella splendida conca attorno alla nostra cantina, per arrivare così ad un totale di 10 ettari vitati.

La scelta della Costa Toscana ha avuto origine dalla volontà di produrre vini con i nostri vitigni favoriti: Cabernet Franc, Syrah e Merlot. Qui il clima e la terra sono ideali per queste varietà, che crescono fino a raggiungere un perfetto equilibrio, la piena maturazione, l’espressione del frutto e del terroir. Abbiamo deciso fin dall’inizio di lavorare con metodo biodinamico per rispettare e preservare questo ambiente incontaminato, dove le vigne sono circondate da macchia mediterranea,
senza costruzioni attorno, su una superficie pura e ricca di vita. La viticoltura è accurata, principalmente manuale; i vigneti sono ad alta densità e gestiti con l’ausilio di piccoli trattori per la lavorazione dei suoli e la distribuzione dei preparati biodinamici
volti ad incrementare l’energia del suolo e delle piante: così otteniamo uve che donano vini pieni di profumi, sapori ed originalità. La nostra volontà primaria ed inderogabile
è quella di produrre vini buoni, puliti, diretti, gustosi, ciascuno con un proprio carattere unico e riconoscibile. Vini che devono farsi ricordare ed apprezzare con gioia.

 

Prodotti Duemani

 

 

sardi giustiniani

 

 

La fattoria si trova in centro Italia, nel nord-ovest della Toscana, più precisamente nella campagna incastrata tra le Alpi Apuane, l’Appenino ed il mar Tirreno a soli 5 km dalle mura della città di Lucca. L’azienda si sviluppa tra due fiumi, la Freddana ed il Serchio. In pianura i suoli sono sciolti, limo-sabbiosi con presenza di ciottoli. In collina la matrice dei suoli diventa più argillosa con buono scheletro. L’esposizione va da sud-est a sud-ovest. La vicinanza al mare assicura una grande quantità di luce ed una costante ventilazione. Le montagne garantiscono un buon approvvigionamento di acqua e notti fresche anche d’estate. La fattoria comprende boschi, campi a seminativi, oliveti e 18 ettari di vigna specializzata.

La campagna è gestita rispettando la natura nei suoi ritmi, nella sua armonia e nei suoi equilibri. Nella produzione dei prodotti agricoli si rispetta il disciplinare europeo dell’agricoltura biologica e ci si avvale degli strumenti dell’agricoltura biodinamica. I vini nascono accompagnando in maniera spontanea, ma attenta, la trasformazione dell’uva in vino senza utilizzare prodotti esogeni al vino, eccetto piccole quantità di solfiti.

Il nostro obiettivo è di fare vini di terroir. Il terroir per noi significa produrre vini dove il suolo, il clima e le tradizioni sono riconoscibili dal consumatore finale. Per questo bisogna creare un legame tra le vigne e l’ambiente che lo circonda.  Da qui la decisione di produrre vini rispettando i tempi e le armonie della natura

 

Prodotti Sardi Giustiniani

 

 

 

Il-Borro

 

 

I nostri vigneti crescono sulle colline del Valdarno ai piedi del monte Pratomagno. La roccia madre  è l’arenaria o pietra forte, la base di un terreno di medio impasto ricco di scheletro, con matrice sabbioso argillosa. Un terreno povero ma ideale per le necessità della vite.L’insieme di queste caratteristiche rare e preziose è stato impulso essenziale alla volontà di Ferruccio e Salvatore Ferragamo di dar vita, nel 1995, alla rinascita vitivinicola de Il Borro. Analisi e attenti studi hanno condizionato ogni scelta: dalla varietà, ai cloni, ai porta innesti, nulla è stato lasciato al caso.Tutta l’agricoltura della Tenuta Il Borro e quindi anche la viticoltura ad oggi è coltivata seguendo i criteri della coltivazione biologica che per noi, (in una visione più ampia del concetto stesso implica un particolare modo di vivere, osservare e lavorare la terra.

La nostra dedizione diventa un impegno tangibile non solo nelle attività agricole, ma in ogni singolo aspetto della realtà de Il Borro. Al percorso della coltivazione biodinamica strettamente legata al principio di sostenibilità, si sono affiancati numerosi progetti: il campo fotovoltaico, l’utilizzo di mezzi di trasporto elettrici, la prossima realizzazione di una centrale a biomasse, in grado di rendere sempre minore il nostro impatto sull’ambiente.

 

Prodotti Borro

 

 

biobacche

 

I succhi Biobacche Toscane vogliono comunicare “Benessere al Naturale” combinando i Frutti Rossi o le verdure con cosidetti Superfood quali le bacche di Goji (coltivate in Italia) e l’Olivello Spinoso. Ottime bevande ottenute rispettando le caratteristiche dei frutti di partenza. Ogni frutto, nelle varietà originarie e autoctone, coltivato con i principi del biologico o in biodinamica, se raccolto nel momento della giusta maturazione, ha un’ altissima concentrazione di elementi nutrizionali. Nessun addolcimento neanche con l’uso di succhi concentrati o fruttosio. Frutta e verdura spremuti a freddo. Il gusto della frutta allo stato puro.

La lavorazione rispetta le caratteristiche Olfattive, Organolettiche e Cromatiche dei frutti di partenza. L’estrazione viene effettuata a freddo, senza filtrazione né centrifugazione. Il Succo Biobacche Toscane contiene la polpa dei nostri frutti compresa la buccia, la più ricca di elementi nobili. Dopo l’imbottigliamento a caduta, i succhi vengono stabilizzati tramite un processo di pastorizzazione in sottovuoto per minimizzare la volatilizzazione degli elementi più termolabili. Il risultato: Colori, sapori e profumi unici e…. senza alcun conservante aggiunto.

 

Catalogo Bio Bacche

 

Maesta Formica

 

Abbiamo un progetto ambizioso: produrre Riesling oltre i 1000 metri in Toscana.
Siamo alla Foce di Careggine in alta Garfagnana, all’interno del Parco delle Alpi Apuane a 1050 metri sul livello del mare, il nostro magico, energetico angolo incontaminato.

Partiti con il progetto vino, lo abbiamo affiancato alla coltivazione di frutti di bosco e ce ne siamo innamorati.
Questo amore ci ha portato a lavorare la nostra frutta e quella della Garfagnana e a trasformarla in composte per godere dei suoi profumi e dei suoi colori anche quando la frutta fresca è terminata.

Composte, sciroppi, frutta o verdura candita e abbinamenti particolari tra frutta e bacche selvatiche sono il risultato di prove, nottate, passione e fatica, amore e pianto, dolore e successo.
La nostra ricetta?
Quasi tutta tradizione con un pizzico di fantasia…. tutto sopra le nuvole!

(Curiosità… perchè questo nome?? Semplice! La Maestà non è altro che la piccola graziosa chiesetta sul margine della strada (tipiche della Garfagnana) e la Formica è il passo montano dove appunto si trova la chiesetta)

 

Prodotti Maesta Formica

 

 

 

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: